Tag: elezioni calabria

E sono due….

E sono due….

Pubblicato il: 5 Marzo 2021

Sono due volte ormai che la coalizione arancione di Tesoro Calabria subisce, suo malgrado, il rinvio del voto. Dapprima dal 14 febbraio all’11 aprile e adesso addirittura all’autunno prossimo, forse persino a metà ottobre. Quasi alla fine di questo 2021 appena iniziato, dunque. Una decisione che mortifica il diritto costituzionale dei calabresi di eleggere i propri rappresentanti alla guida dell’ente regionale. Una prerogativa sacrosanta che viene preventivamente negata malgrado non ci siano evidenze scientifiche sull’impossibilità, o comunque sull’altissimo rischio, di recarsi alle urne per l’emergenza Covid che c’è ed è prioritaria, sia chiaro, ma ribadisco senza certezze tali da impedire lo svolgersi delle elezioni anche considerato come si sia votato e si voterà a breve in molte parti d’Europa e del mondo. E invece qui da noi si permette quella che non ho esitato a chiamare una lesione della democrazia, lasciando di fatto al suo posto un presidente facente funzioni e una Giunta provvisoria, per così definirla, in carica per un anno.

Un fatto gravissimo, ma che farà comodo ai tanti beneficiari di incarichi e prebende varie grazie ai loro legami con i notabili locali. Il Governo Draghi, dunque, al cui interno ci sono tutti o quasi ha quindi dato ossigeno ai partiti e alle forze ‘tradizionali’ che qui da noi, peraltro al pari di tante grandi e importanti città italiane, sono in evidente difficoltà. Guai che in ambito calabrese hanno tutti i maggiori schieramenti, dilaniati al loro interno al punto da non riuscire a trovare un aspirante governatore. Un modo per farli riorganizzare, magari appunto come avverrà da noi dove qualche autorevole sondaggio iniziava finalmente, e a sorpresa per i parrucconi del potere regionale, a indicare lo straordinario popolo arancione, con in testa Luigi de Magistris e me insieme, in vantaggio rispetto ai competitor di centrodestra e centrosinistra.

Un dato che, l’ho premesso, deve aver spaventato, anzi forse persino atterrito parecchi vecchi arnesi della politica che sanno bene come noi daremo un colpo di spugna a tutto il malaffare da cui è stata caratterizzata una certa maniera di gestire la cosa pubblica a tutti i livelli. Mi spiace soltanto per i sacrifici non tanto nostri, ossia dei candidati, ma di attivisti e simpatizzanti i quali per addirittura due volte hanno fatto un lavoraccio per raccogliere quasi 21mila firme indispensabili ai fini della presentazione delle liste. Un impegno, però, solo apparentemente vano, perché il nostro progetto non si ferma anzi viene incentivato e sia io che Luigi già da lunedì saremo di nuovo in giro per conoscere, dovendo poi far di tutto per risolverle dai ‘piani alti’ della Cittadella, le criticità della terra che amiamo

Lettera aperta di Carlo Tansi ai suoi sostenitori

Lettera aperta di Carlo Tansi ai suoi sostenitori

Pubblicato il: 9 Febbraio 2021

Carissimi, stiamo lavorando ininterrottamente, da quasi due anni, al progetto civico Tesoro Calabria al quale ha aderito una marea di gente. Centinaia di migliaia di calabresi liberi e perbene che, senza chiedere nulla in cambio, desiderano il reale cambiamento di questa Terra. La nostra è una rivoluzione arancione partita dalle ultime Regionali in cui abbiamo raccolto il consenso di ben 60mila donne e uomini che sognavano e sognano una Calabria diversa. Migliore. Gente come i tanti crotonesi che solo pochi mesi orsono hanno fatto la storia. Mi riferisco all’apoteosi delle Amministrative in cui Tesoro Calabria ha spazzato via tutto il marcio dei vecchi partiti, di destra e di sinistra, rimuovendo incrostazioni di decenni in un colpo solo. Ecco perché sono certo che alle prossime Regionali, la strada per noi sarà in discesa e ci porterà a un ottimo risultato. Nei giorni scorsi ho passato molte notti insonni per cercare di capire cosa fosse più giusto fare per il bene della nostra amata Terra. E avantieri sono giunto alla conclusione, seppur molto sofferta per chi come me ha portato avanti per due anni circa un progetto costruito sui principi morali e non sugli obiettivi eminentemente politici, che in questa competizione non basta partecipare e far bella figura. Se correremo da soli, infatti, potremo registrare un ottimo successo personale e vincere una battaglia. Ma se lo faremo, senza alcun simbolo di partito, insieme ad altri movimenti civici a cui ci legano profonde affinità elettive, vinceremo la guerra e scriveremo insieme una nuova pagina della Calabria. Forse persino la più bella di sempre, anche grazie all’opportunità irripetibile del Recovery Fund. Un treno di miliardi che passerà una volta sola. E che, se finisse nelle mani sbagliate, porterà la regione a sprofondare definitivamente, arricchendo all’inverosimile la ‘ndrangheta e consolidandone a dismisura lo già sconfinato potere. Questo è dunque il tempo di far gioco di squadra; mettere al bando i personalismi; salire tutti sulla stessa barca e remare in un’unica direzione. Lo dovremo fare per il bene della Calabria e il futuro delle giovani generazioni. Ed è il motivo per cui ho deciso di fare un passo di lato, concordando con Luigi de Magistris un efficace programma improntato su un radicale rinnovamento che ci condurrà dritti alla vittoria. Un progetto di cui saranno protagonisti due attori principali, un po’ come Bartali e Coppi che si passano l’ormai quasi leggendaria borraccia con spirito di sublime altruismo. Una solidarietà di cui ha bisogno la regione nell’attuale delicatissima fase storica. Un momento così particolare in cui per cambiare davvero non basta un presidente, ne servono due e nel pieno delle rispettive funzioni. Uno a capo della Giunta, a cui spettano le decisioni sulle azioni amministrative e tecniche da intraprendere, e un altro alla guida del Consiglio. Ecco, quest’ultimo potrei essere io, dedicandomi a tale stimolante lavoro con la passione che anima il mio agire da sempre. Un modo per ricoprire un ruolo chiave ma che purtroppo, sin da quando esiste l’importante ente, è stato utilizzato alla stregua di un mero e vile esercizio di potere. L’accordo tra noi e Luigi nasce quindi sul presupposto che il piano di autentico cambiamento condiviso dovrà essere concretamente attuato: da un lato sul piano della gestione amministrativa e tecnica, ma dall’altro soprattutto sulla scorta di una intensa attività di riforme legislative di competenza del Consiglio. Ragion per cui, le due cariche di presidente della Giunta e del Consiglio avranno, nelle rispettive competenze, pari rilievo e dignità istituzionale. L’attività dell’assemblea dovrà ad esempio essere mirata ad annullare le centinaia di leggi inutili, spesso scritte ad personam per favorire gli amici e gli “amici degli amici” del vecchio e corrotto sistema politico e ad approvare le norme riformatrici dei settori critici tra cui:- un piano sanitario regionale che metta in giusto rilievo l’offerta pubblica;- una legge quadro sul lavoro;- una legge quadro sull’organizzazione burocratica e la trasparenza;- una revisione della legge elettorale; – una revisione organica delle norme di gestione del territorio, dell’ambiente e dei collegamenti;- l’acqua pubblica, come prevedono le leggi nazionali. Senza una concreta ed efficace attività legislativa, del resto, l’attività tecnico-amministrativa della Giunta sarebbe destinata a segnare il passo, com’è peraltro accaduto anche nella gestione Oliverio & co. Un’esperienza di governo in cui l’attività del Consiglio, presieduto da quel Nicola Irto candidato proprio oggi dal Pd a correre per la carica di governatore, è di fatto stata indefinita e in particolare subalterna agli interessi della casta politico-burocratica che da anni blocca la Regione. Al di là di tutto, però, al fine di attuare il nostro articolato programma è necessario un deciso taglio con il passato e in particolare con il Put, Partito Unico della Torta, formato dai soggetti politici di destra e di sinistra che hanno ridotto la nostra meravigliosa Terra ricca di potenzialità a essere la cenerentola d’Europa. Noi, pertanto, non sottoscriveremo alcun patto con il Pd e i suoi esponenti, prestanome e portaborse, pur confidando profondamente nell’elettorato Democratico che non merita dirigenti, parlamentari e consiglieri regionali uscenti, tanto insulsi, inconcludenti e irresponsabili. In questo stesso frangente, guardiamo invece con estremo interesse alla base del M5s straripante di energia che chiede un concreto cambiamento e, sono convinto, porterà a una proficua intesa del movimento pentastellato con la costituenda forza targata Tansi-De Magistris. L’accordo tra me e lui ha aperto la strada per una nuova era della Calabria all’insegna della liberazione di tutte le energie positive ingabbiate nella stragrande maggioranza dei cittadini liberi che vogliono il reale cambiamento. Care Calabresi e cari Calabresi continuate a sostenermi, come avete fatto finora, anche nell’ambizioso progetto che vi ho appena illustrato nei punti chiave. Un piano che amplia e rende molto più concrete le possibilità di vittoria di coalizioni civiche rispetto a una vigente legge elettorale regionale liberticida. Una norma scritta dai poteri forti per mantenere lo status quo che a loro fa molto comodo. Legge-truffa che stravolgeremo non appena vinceremo le elezioni.

Vi voglio bene!

Carlo Tansi, presidente del movimento civico Tesoro Calabria.