Il Diritto a una Terra e a un Mare puliti

  • Home
  • Il Diritto a una Terra e a un Mare puliti

Liberi di vivere in un ambiente sano.

Altro problema atavico della Calabria su cui concentreremo la massima attenzione, è quello del mare sporco: ampi tratti di mare delle coste calabresi risultano da decenni fortemente inquinati a causa di canali, fiumi e torrenti che continuano a riversare in mare scarichi non adeguatamente depurati. Il mare sporco è un problema drammatico e (apparentemente) irrisolvibile per il nostro turismo, essendo fortemente percepito dai turisti, ed è anche evidenziato, senza tema di smentita, dai monitoraggi effettuati dai tecnici di Goletta Verde di Legambiente. Il problema è di natura strutturale, oltre che estremamente complesso, ed è determinato da molteplici cause che dipendono da fattori locali:

  • sversamento nei fiumi di fogne con allacci abusivi da parte di edifici o di interi condomini,
  • mancata manutenzione il mancato controllo dei depuratori comunali,
  • sottodimensionamento di molti depuratori, progettati originariamente per i residenti, ma che in estate devono sopportare i reflui fognari di un numero di persone nettamente superiore rispetto alla popolazione residente,
  • fatiscenza degli impianti di depurazione fatiscenti, cattiva progettazione o realizzazione,
  • assenza di depuratori (!) in molti comuni che scaricano illecitamente i reflui fognari nelle acque bianche,
  • presenza di ditte scaricano illegalmente le cisterne degli autospurghi nei fiumi.

È bene comunque precisare che esistono anche depuratori che funzionano perfettamente in comuni i cui primi cittadini non hanno responsabilità sulla balneabilità del mare poiché le fonti di inquinamento derivano da comuni limitrofi che non hanno sistemi di depurazione efficienti.

mare_sporco